Tirocini

SCHEDA DI SINTESI

 

TIROCINI FORMATIVI, DI ORIENTAMENTO E INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO

 

Il tirocinio è un'esperienza lavorativa e formativa temporanea, che non costituisce un rapporto di lavoro, ma è finalizzata a consentire alle persone che li svolgono di inserirsi per un certo periodo in un ambiente di lavoro, sperimentandone in modo concreto la realtà aziendale

 

Tipologie di tirocini:

Tirocinio formativo e di orientamento

Sono i tirocini avviati entro 12 mesi dal conseguimento del diploma di istruzione secondaria di secondo grado o dalla laurea. Sono finalizzati ad agevolare le scelte professionali e l’occupabilità nella fase di transizione dalla scuola al lavoro.

Tirocinanti: persone neo diplomate o neo laureate

 

Soggetti promotori

- Servizi per l’Impiego delle Province;

- Servizi per il lavoro;

- Organismi di formazione professionale accreditati;

- Università.

 

Durata: non superiore a 6 mesi, proroghe comprese. Il tirocinio è unico e non ripetibile. Lo stesso neo diplomato/neo laureato puó svolgere piú di un tirocinio formativo ex art. 11 D.L. n. 138/2011 conv. In L. n. 148/2011 presso diverse realtà aziendali, in forza di progetti formativi diversi. In forza del medesimo progetto formativo rimane invece ferma la durata massima di sei mesi.



Tirocinio di reinserimento/inserimento al lavoro

Sono i tirocini finalizzati ad agevolare l’inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro di lavoratori disoccupati, compresi i lavoratori in mobilità, nonchè di inoccupati (ai sensi del DLgs 181/2000 e s. m. e i.

 

Tirocinanti e durata

- Disoccupati / Inoccupati: massimo 6 mesi proroghe comprese;

- Disabili definiti dall’art. 11 comma 9 L. 68/99: massimo 12 mesi, proroghe comprese (inclusi i soggetti di cui alla L. 381/91 tra cui soggetti in trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti e condannati ammessi a misure alternative di detenzione);

- Disabili definiti dalla L. 104/92: massimo 24 mesi, proroghe comprese.

 

Soggetti promotori:

- Servizi per l’Impiego delle Province;

- Servizi per il lavoro;

- Organismi di formazione professionale accreditati;

- Università

- Le cooperative sociali iscritte nell’albo regionale delle cooperative sociali, solo se il tirocinio è all’interno di percorsi di inserimento/reinserimento sociale e lavorativo

 

 

*** Rimangono in capo alle Scuole ed alle Università o Istituti equiparati i cosiddetti tirocini curriculari

 

 

 

Numero dei  tirocinanti in azienda

Il numero di tirocinanti è stabilito dalla normativa in base al numero di dipendenti presenti in azienda assunti a tempo indeterminato.

 

N° dipendenti a tempo indeterminato        N° tirocinanti

                        Da 01 a 05                                         01

                        Da 06 a 19                                         02

            Maggiore o uguale a 20                      Fino al 10% di dipendenti a tempo indeterminato (*)

 

(*) Nell’ipotesi in cui il calcolo della percentuale produca frazioni di unità, tali frazioni si arrotondano all’unità superiore solo nel caso in cui la frazione è superiore o pari a ½.

 

 

Documentazione e Obblighi:

*      Stipula della Convenzione tra soggetto/i promotore/i e il datore di lavoro pubblico o privato (soggetto ospitante) che sancisce le modalità attuative del tirocinio e predisposizione del Progetto formativo e di orientamento individuale;

*      Assicurazione del tirocinante contro gli infortuni sul lavoro presso l’INAIL.

*      Assicurazione c/o una compagnia assicuratrice per la responsabilità civile verso terzi.

*      Comunicazione Online Obbligatoria di avvio del Tirocinio (M.L.P.S. nota Prot. n. 13/Segr./0004746 del 14/02/2007)

*      Individuazione del Tutor Aziendale (a cura del soggetto ospitante)

*      Individuazione del Tutor Didattico-organizzativo (a cura del soggetto promotore)

 

 

N.B.:

Le coperture assicurative devono riguardare anche le attività eventualmente svolte dal tirocinante al di fuori dell'azienda e rientranti nel progetto formativo e di orientamento. Generalmente gli oneri connessi alle coperture assicurative sono a carico degli enti promotori.

 

Nel caso in cui gli enti promotori siano le strutture pubbliche competenti in materia di collocamento e di politica attiva del lavoro, il soggetto che ospita il tirocinante puó assumere a proprio carico l'onere economico connesso alle coperture assicurative.

 


Riferimenti Normativi

  • Art. 18 Legge del 24 giugno 1997, n.196 recante “Disposizioni in materia di tirocini formativi e di orientamento”;
  • Decreto Interministeriale n. 142 del 25 marzo 1998 “Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all’art. 18 della L. 196/1997 sui tirocini formativi e di orientamento.
  • Art. 11 Decreto Legge n. 138 del 13 agosto 2011 “Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo economico;
  • Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - “Articolo 11 del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, livelli essenziali di tutela in materia di tirocini formativi: primi chiarimenti

 

Vedi Elenco tirocini in bacheca

 

 


Documenti da scaricare
pdf  DECRETO 25 marzo 1998, n. 142
pdf  LEGGE 24 giugno 1997 n 196
pdf  Circolare n 24 Ministero del Lavoro
pdf  LEGGE 12 marzo 1999, n. 68
pdf  ART. 11 D.L. 138/2011: TIROCINI FORMATIVI E ORIENTAMENTO
pdf  TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO
pdf  Interpello su art 9 DLgs n 124 2004 soggetti promotori dei tirocini formativi e di orientamento
Menu della pagina
Indietro Indietro  Stampa la pagina Stampa la pagina
Torna su Bookmark and Share
 
 
Provincia di Catanzaro - Settore Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Sociali
Piazza Michele Le Pera - 88100 CATANZARO
Telefono +39 0961 8411 - Fax +39 0961 84218
Posta Elettronica:lavoro@provincia.catanzaro.it
Contatta i Centri per l'Impiego
YouTube RSS Twitter Facebook Versione Mobile